Cass. n. 17268/2012 - Difetto di costruzione dell'edificio, responsabilitè del costruttore e del condominio

del 10/10/2012

in Sentenze, Lavori

"... qualora il fenomeno dannoso lamentato dal singolo condomino sui beni di proprieta' esclusiva sia  originato da difettosa realizzazione delle parti comuni dell'edificio (nella specie precaria situazione  della muratura perimetrale adiacente il giardino condominiale e dei pozzetti), nei confronti di questi  e' responsabile, in via autonoma ex art. 2051 c.civ., il Condominio, che e' tenuto, quale custode, ad  eliminare le caratteristiche lesive insite nella cosa propria..."


SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 12 aprile 2000 i coniugi G.M. e M.C. evocavano, dinanzi al  Tribunale di omissis, il Condominio omissis deducendo copiose infiltrazioni d'acqua nella loro  cantina, per cui ne chiedevano la condanna all'esecuzione delle opere necessarie all'eliminazione  degli inconvenienti lamentati, oltre al ristoro dei danni subiti.

Instaurato il contraddicono, nella resistenza del Condominio, che in via preliminare chiedeva ed  otteneva di chiamare in giudizio la omissis s.c.r.l., la quale aveva a suo tempo assegnato gli  appartamenti e che aveva riconosciuto i vizi lamentati, attivandosi in parte per eliminarli, costituita  anche la terza chiamata CO.R.Ab. (Consorzio Regionale Cooperative di Abitazione omissis),  incorporante per fusione la CO.P., che eccepiva la decadenza degli attori e del Condominio dalla  garanzia, nonche' la maturata prescrizione, chiedendo ed ottenendo di chiamare a sua volta in causa  la s.r.l. Ing. P.C., appaltatrice dell'edificio, la quale nel costituirsi eccepiva la propria carenza di  legittimazione, nonche' la decadenza e prescrizione ex art. 1669 c.c., oltre a chiedere ed ottenere di  chiamare in causa anche l'arch. D.A., quale direttore dei lavori e l'Impresa Ing. A.A., quale societa'  subappaltatrice delle opere di impermeabilizzazione, e quest'ultima nel costituirsi, a sua volta,  chiedeva ed otteneva di chiamare in giudizio la  assicurazione1 e la assicurazione2 per essere dalle stesse  manlevata, le quali nel costituirsi sostenevano l'estraneita' dell'evento dannoso al rischio assicurato,  il Tribunale adito, rilevato che gli attori avevano concluso solo nei confronti del Condominio,  rigettava la domanda attorea e dichiarava cessata la materia del contendere rispetto alle numerose  domande di garanzia e di manleva dei terzi chiamati.

In virtu' di appello interposto dai M-C., i quali invocavano l'applicazione dell'art. 2051 c.c., la Corte  di appello di omissis, nella resistenza del condominio, integrato il contraddittorio nei confronti delle  restanti parti, accoglieva il gravame e in riforma della sentenza impugnata condannava il  Condominio ad eseguire le opere analiticamente descritte nella c.t.u.; respingeva la domanda attorea  di risarcimento; respingeva la domanda di garanzia spiegata dal condominio nei confronti della  COR.CA.B. (gia' CO.P.) per mancata denuncia dei vizi; respingeva anche la domanda in manleva  spiegata dalla COR.CA.B. nei confronti della Impresa P. per essere la denuncia dei difetti de quibus  oltre il termine di giorni 60 di cui all'art. 1667 c.c.; del pari veniva respinta la domanda in garanzia  spiegata nei confronti della Impresa M. per decorrenza dei termini previsti dagli artt. 1667 e 1669  c.c., da cui discendeva anche il rigetto delle domande di garanzia da quest'ultima spiegata nei  confronti delle assicurazioni assicurazione1 e assicurazione2; infine, pure infondata veniva ritenuta la  domanda spiegata dalla P. nei confronti dell'arch. \D, quale direttore dei lavori, non emergendo  dalla documentazione in atti elementi idonei a fondare una responsabilita' autonoma di detto  professionista.

A sostegno della adottata decisione la corte distrettuale evidenziava che dal tenore della C.T.U.

diversamente da quanto ritenuto dal giudice di prime cure, andava ravvisata la responsabilita' del  Condominio ai sensi dell'art. 2051 c.c. dovendosi il danno ritenere cagionato non da un  comportamento del custode, ma dalla cosa in custodia, ossia nell'ambito del dinamismo connaturale  alla cosa medesima, responsabilita' superabile solo dalla prova liberatoria avente ad oggetto il  superamento della presunzione di colpa ovvero il caso fortuito.

Avverso la indicata sentenza ha proposto ricorso per cassazione il Condominio, che risulta  articolato su sette motivi, al quale hanno resistito i coniugi M-C e ... ASSICURAZIONI  con separati controricorsi.

Il Condominio ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell'art. 2697, comma 1,  c.c. in relazione all'art. 2051 c.c. e agli artt. 115, comma 1, 116, 163, comma 3, n. 5, c.p.c., nonche'  il vizio di motivazione per avere la corte di merito accolto la domanda attorea pur in assenza di  prova, in entrambi i gradi di giudizio, delle continue infiltrazioni e dei continui allagamenti esistenti  nella cantina di loro proprieta', come emergeva dalla stessa consulenza tecnica di ufficio, di cui il  giudice del gravame avrebbe estrapolato alcune frasi per basare il suo convincimento. Conclude il  motivo il seguente quesito: "Dica la Suprema Corte di Cassazione se vi e' stata violazione o falsa  applicazione della norma di diritto ex art. 360, comma 1, n. 3 s/o insufficiente e contraddittoria  motivazione su un punto decisivo del giudizio ex art. 360, comma 1, n. 5 c.p.c. in relazione: a) al  violato art. 2697, comma 1, c.c., disapplicato dalla Corte di appello per omesso onere della prova da  parte degli attori - appellanti M-C in entrambi i gradi del giudizio di merito; b) al violato art. 2051  c.c., erroneamente applicato dalla Corte di appello, nonostante l'inesistenza del "danno cagionato"  alle cose in custodia e nonostante gli eseguiti interventi del condominio nel corso del 1999; c) al  violato art. 155, comma 1, c.p.c. per avere la Corte di appello fondato la sua decisione su prove  inesistenti e mai proposte dagli attori; d) al violato art. 166 c.p.c. per avere la Corte di appello  valutato senza alcun prudente apprezzamento la consulenza tecnica d'ufficio; e) al violato art. 163,  comma 3, n. 5 c.p.c. per avere la Corte di appello pronunciato la sentenza appellata stante l'omessa  specifica indicazione dei mezzi di prova e l'omessa produzione documentale da parte degli attori  appellanti".

Con il secondo motivo viene dedotta la omessa pronuncia su espressa domanda del Condominio  con violazione dell'art. 112 c.p.c., nonche' il vizio di motivazione per avere la corte di merito  evidenziato che il ricorrente fin dalle sue prime difese aveva sostenuto la carenza di legittimazione  passiva, ma poi non aveva speso alcuna argomentazione sul punto. In ragione di cio', il ricorrente  formula il seguente quesito di diritto: "Dica la Suprema Corte di Cassazione se vi e' stata violazione  o falsa applicazione della norma di diritto ex art. 360, comma 1, n. 3 e/o omessa motivazione su un  fatto controverso e decisivo per il giudizio di cui all'art. 360, comma 1, n. 5, in relazione al violato  art. 112 c.p.c. avendo la corte di appello omesso di motivare sulla domanda formulata dal  Condominio omissis e relativa atta carenza di legittimazione passiva".

Con il terzo motivo viene denunciata la violazione e falsa applicazione dell'art. 2697 c.c., degli arti  115 e 116 c.p.c., anche per vizio di motivazione per avere la corte di merito riconosciuto [a  responsabilita' del Condominio sulla base della relazione peritale, nonostante questa non costituisca  prova in senso tecnico.

Il ricorrente conclude formulando il seguente quesito di diritto: "Dica la Suprema Corte di  Cassazione se vi sia stata violazione o falsa applicazione della norma di diritto ex art. 360, comma  1, n. 3 c.p.c. e/o insufficiente motivazione su un punto decisivo del giudizio ex art. 360, comma 1,  n. 5 in relazione a) al violato art. 2697 c.c. per avere la corte di appello considerato la relazione del  c.t.u. quale prova documentale a favore degli attori, nonche' per avere mal valutato ed interpretato il  reale contenuto letterale della menzionata relazione del c.t.u.; b) al violato art. 115 c.p.c. per avere  la corte di appello fondato la sua decisione su prove inesistenti e mai proposte dagli attori; c) al  violato art. 116 c.p.c. per avere la corte di appello valutato senza alcun prudente apprezzamento la  consulenza tecnica di ufficio e l'inesistenza delle prove attoree".

Con il quarto motivo viene dedotta la omessa pronuncia su una espressa domanda degli appellanti,  con violazione dell'art. 112 c.p.c, nonche' vizio di motivazione, relativa all'ammissione della prova  di appello dagli stessi dedotta solo nell'atto di appello, il motivo culmina nel seguente quesito di  diritto: "Dica la Suprema Corte di Cassazione se vi sia stata violazione o falsa applicazione ella  norma di diritto ex art. 360, comma 1, n. 3 c.p.c. e/o insufficiente motivazione su un punto decisivo  del giudizio ex art. 360, comma 1, n. 5 in relazione al violato art. 112 c.p.c. avendo la corte di  appello omesso di motivare sulla domanda di ammissione del capito di prova articolato dai coniugi  appellanti nel giudizio di secondo grado".

Con il quinto motivo nel denunciare la violazione dell'art. 112 c.p.c., il ricorrente insiste nella  censura sull'interpretazione della relazione peritale adottata dalla corte di merito, giacche' ad avviso  del Condominio il C.T.U. avrebbe accertato che le infiltrazioni non erano attuali, ne' copiose ed i  rimedi prospettati erano solo consigliati, terminando con il seguente quesito: "Dica la Suprema  Corte di Cassazione se vi sia stata violazione o falsa applicazione della norma di diritto ex art. 360,  comma 1, n. 3 c.p.c. in relazione ai violato art. 112 c.p.c. essendosi la corte di appello pronunciata  oltre i limiti della domanda degli appellati nel giudizio di secondo grado, in particolare per avere gli  appellanti domandato la condanna del convenuto sulla base e in conseguenza di un accertamento di  fatti rivelatisi insussistenti e per essersi, ciononostante, la corte di appello ugualmente pronunciatasi  sulla domanda di condanna".

Con il sesto motivo viene dedotta la violazione e falsa applicazione delle norme di diritto di cui agli  artt. 2043 e 2051 c.c. e questo il quesito conclusivo: "Dica la Suprema Corte di Cassazione se vi sia  stata violazione o falsa applicazione della norma di diritto ex art. 360, comma 1, n. 3 c.p.c., in  relazione ai violati artt. 2043 e 2051 c.c. avendo la corte di appello condannato a un tacere sulla  base di una mera eventualita' di danno futuro, in assenza di una danno attuale, anzi con la prova  della inesistenza di un danno".

Con il settimo ed ultimo motivo viene dedotta la violazione e falsa applicazione dell'art. 2051 c.c.,  nonche' dell'art. 112 c.p.c., anche per vizio di motivazione per avere la corte di merito condannato il  Condominio ad un tacere per modificare lo stato dei luoghi, onde prevenire eventuali danni futuri,  mentre il giudice del gravame ha fondato tutta la motivazione sulla nozione di responsabilita'  oggettiva, che non puo' sussistere per danni non ancora verificatisi. Questo il quesito conclusivo;

"Dica la Suprema Corte di Cassazione se vi sia stata violazione o falsa applicazione della norma di  diritto di cui all'art. 2051 c.c., in relazione all'art. 360, comma 1, n. 3 c.p.c., nonche' violazione  dell'art. 112 c.p.c., in relazione all'art. 360 n. 5 c.p.c., per motivazione contraddittoria, per avere la  Corte di appello di omissis erroneamente applicato la norma di cui all'art. 2051 c.c. relativamente  alla responsabilita' oggettiva, e non la regola generale che impone la sussistenza quanto meno  dell'elemento soggettivo della colpa a una fattispecie nella quale non e' stato ravvisato alcun danno  attuale; inoltre per avere la corte di appello di omissis accolto la domanda svolta ai sensi dell'art.

2051 c.c. nonostante non fosse presente l'elemento oggettivo del danno attuale", essendosi la corte  di appello pronunciata oltre i limiti della domanda degli appellati nel giudizio di secondo grado, in  particolare per avere gli appellanti domandato la condanna del convenuto sulla base e in  conseguenza di un accertamento di fatti rivelatisi insussistenti e per essersi, ciononostante, la corte  di appello ugualmente pronunciatasi sulla domanda di condanna".

È pregiudiziale l'esame del secondo motivo che attiene alla legittimazione del Condominio.

La responsabilita' del condominio e' stata in entrambi i gradi prospettata esclusivamente in relazione  alla presenza di vizi che gli attori avevano ab origine ricondotto a difetti di progettazione e  realizzazione del manufatto edilizio da parte del costruttore.

Nell'individuare la norma applicabile al caso di specie, sia il giudice di primo grado sia quello di  secondo grado, hanno sussunto la fattispecie nell'ambito applicativo dell'art. 2051 c.c., pur  traendone i due giudici conseguenze diverse.

Una volta chiaramente esposto che il fatto generatore del danno era da individuarsi nei vizi di  progettazione ed esecuzione imputabili al costruttore, non altra situazione giuridica soggettiva che  quella della proprieta' comune delle parti dell'edificio, i cui vizi ingeneravano il danno, poteva  essere stata dedotta dagli attori a fondamento della pretesa fatta valere nei confronti del  condominio, per cui non sussiste la lamentata violazione dell'art. 112 c.p.c.. Del resto la corte di  merito si e' correttamente attenuta al consolidato principio affermato da questa corte secondo cui  qualora il fenomeno dannoso lamentato dal singolo condomino sui beni di proprieta' esclusiva sia  originato da difettosa realizzazione delle parti comuni dell'edificio (nella specie precaria situazione  della muratura perimetrale adiacente il giardino condominiale e dei pozzetti), nei confronti di questi  e' responsabile, in via autonoma ex art. 2051 c.civ., il Condominio, che e' tenuto, quale custode, ad  eliminare le caratteristiche lesive insite nella cosa propria (cfr. Cass. 12 luglio 2011 n. 15291; Cass. 15 aprile 1999 n. 3753; Cass. 21 giugno 1993 n. 6856; Cass. 25 marzo 1991 n. 3209; Cass. 9  maggio 1988 n.3405).

Non si tratta di una responsabilita' a titolo derivativo (il Condominio, pur successore a titolo  particolare del costruttore venditore, non subentra nella sua personale responsabilita', legata alla sua  specifica attivita' e fondata sull'art. 1669 c.civ.), bensi' di autonoma fonte di responsabilita' ex art.

2051 c.civ. (cfr. Cass. 6856/93, cit.). La doglianza e', dunque, infondata.

Del pari non e' accoglibile la prima censura con il quale viene lamentato il mancato assolvimento  dell'onere probatorio gravante sui condomini resistenti.

La Corte d'appello di omissis ha accertato che c'erano delle macchie di umidita' nella cantina dei  condomini controricorrenti, i lavori da eseguire per porre ad esse rimedio e la causa che le ha  prodotte, facendo proprio quanto ha ritenuto che il consulente tecnico di ufficio aveva esposto al  riguardo nella sua relazione.

Il ricorrente sostiene in buona sostanza che in tale relazione il consulente tecnico ha affermato fatti  diversi da quelli che la corte territoriale in essa ha letto, estrapolandone alcune frasi per basare il suo  convincimento; denunzia quindi non una errata valutazione dei fatti accertati dal consulente, ma il  travisamento di quanto da questi riferito.

Tale travisamento, se davvero e' stato commesso, costituisce motivo di revocazione, non di ricorso  per cassazione (v., tra le tante, Cass. 13 gennaio 1990 n. 92; Cass. 22 febbraio 1999 n. 1477). Anche  se si volesse prescindere dall'osservazione che precede, resterebbe comunque insuperabile il rilevo  che il Condominio ricorrente ha certamente inteso censurare gli apprezzamenti di merito espressi  dada corte distrettuale con argomentazioni esaustive e prive di vizi logici e giuridici, dopo avere  accertato la presenza di macchie di umidita' nella cantina dei condomini resistenti.

Pure privo di pregio e' da ritenere il terzo motivo che denuncia cattivo governo delle fonti di prova,  considerando tale anche la consulenza tecnica di ufficio.

L'art. 61 c.p.c. consente al giudice di farsi assistere, per il compimento di singoli atti o per tutto il  processo, da uno o piu' consulenti di particolare competenza tecnica. Il consulente e' dunque un  ausiliario tecnico del giudice e lo assiste nei suoi compiti di acquisizione e di vantazione delle  prove. Come e' stato detto, non si pone di fronte al giudice, ma collabora con esso, accanto ad esso,  per assisterlo e consigliarlo nel campo della propria particolare esperienza. Il giudice puo' affidare al  consulente tecnico non solo l'incarico di valutare i fatti da lui stesso accertati o dati per esistenti  (consulente deducente), ma anche quello di accertare i fatti stessi (consulente percipiente).

Nel primo caso la consulenza presuppone l'avvenuto espletamento dei mezzi di prova e ha per  oggetto la valutazione di fatti i cui elementi sono gia' stati completamente provati dalle parti; nel  secondo caso la consulenza puo' costituire essa stessa fonte oggettiva di prova (cfr Cass. 1 ottobre  1999 n. 10871; Cass. 31 marzo 1990 n. 2629; Cass. 4 aprile 1989 n. 1620; Cass. 19 aprile 1988 n.3064).

Naturalmente cio' non significa che le parti possano sottrarsi all'onere probatorio e rimettere  l'accertamento dei propri diritti all'attivita' del consulente, e' necessario, invece, che la parte deduca  quanto meno il fatto che pone a fondamento del proprio diritto; che il giudice ritenga che il fatto sia  possibile, rilevante e tale da lasciare tracce accertabili o, comunque, da poter essere ricostruito dal  consulente; che l'accertamento richieda cognizioni tecniche che il giudice non possiede; che il  consulente indaghi sui fatti prospettati dalle parti e non su fatti sostanzialmente diversi.

Nel caso in esame il giudice ha affidato al c.t.u. l'incarico di accertare: a) l'origine, la natura e  l'entita' dei fenomeni dannosi lamentati dagli attori; b) le cause che li hanno prodotti, con  indicazione del nesso di causalita' con i vizi riscontrati; c) l'entita' dei danni subiti, i rimedi per la  loro eliminazione e per il ripristino.

La consulenza ha avuto dunque per oggetto l'accertamento di fatti che presuppongono particolari  competenze tecnico - costruttive che il giudice normalmente non ha; e pertanto essa deve ritenersi  perfettamente ammissibile e regolarmente espletata.

Quanto ai quesiti di cui alle lett. b) e c), riproducendo gli stessi le circostanze di cui al primo  motivo, vale quanto sopra esposto.

Non e' accoglibile neanche il quarto motivo.

Per consolidato orientamento di questa corte la denuncia di vizi di attivita' del giudice non tutela  l'interesse all'astratta regolarita' dell'attivita' giudiziaria, ma garantisce soltanto l'eliminazione del  pregiudizio concretamente subito dal diritto di difesa della parte in dipendenza della denunciata  violazione. Sicche', non potendosi configurare un generico ed astratto diritto alla regolarita' del  processo fine a se stesso, e' inammissibile l'impugnazione con la quale si lamenti un mero vizio del  processo, senza prospettare a fondamento dell'impugnazione stessa le ragioni per le quali tale  violazione abbia comportato l'ingiustizia del processo stesso, causata dall'impossibilita' di difendersi  a tutela di quei diritti o di quelle posizioni giuridicamente protette (cfr Cass. 19 agosto 2003 n.12122).

Nella specie il ricorrente lamenta meri vizi formali del procedimento, relativi ad omessa pronuncia  su espressa richiesta di prove articolate peraltro dagli appellanti (odierni resistenti), senza  prospettare alcuna lesione al proprio diritto di difesa, con la conseguenza che l'addotta violazione  non acquista rilievo idoneo a determinare l'annullamento della sentenza impugnata (cfr Cass. 20  novembre 2009 n. 24532; Cass. 28 gennaio 2005, n. 1820; Cass. 8 febbraio 2003, n. 1915; Cass. 14  febbraio 2000, n. 1619), non essendo stato esposto (ritualmente e specificamente) che l'asserito  vizio (omessa pronuncia su prove articolate dai controricorrenti, che si assumono tardive) abbia  inciso sulla determinazione della competenza, sul contraddittorio, sui diritti della difesa o sul  regime delle prove.

L'infondatezza del quinto motivo discende dalla considerazione che la domanda attorea e' stata  accolta nei limiti in cui la consulenza tecnica di ufficio ne ha accertato la sua fondatezza,  argomentando proprio dai rilievi effettuati dall'ausiliario del giudice; mentre quella del sesto e'  correlata al rilievo che la critica si appunta sulla valutazione di merito della corte di appello, in se'  insindacabile in questa sede e comunque fondata su accertamenti tecnici, che hanno verificato  l'esistenza di macchie di umidita' e del cui risultato si da conto in sentenza.

È da rigettare, infine, anche il settimo motivo posto che, per un verso non si rilevano ne' le  violazioni di legge alle quali e' fatto riferimento (per quanto gia' esposto ai motivi uno e due) ne' i  vizi della motivazione e che, per altro verso, attraverso quegli stessi motivi la parte tende  inammissibilmente ad ottenere da questa corte di legittimita' una ulteriore valutazione del merito  della causa.

Il ricorso va conclusivamente respinto.

Le spese del giudizio di legittimita' seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso e condanna il Condominio ricorrente alla rifusione delle spese del  giudizio di Cassazione, che liquida per ciascuna parte resistente in complessivi Euro 2.200,00, di  cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori, come per legge.