in Sentenze

Cass. n. 2363/2012 - Condominio: Danni per cattiva esecuzione dei lavori, ne corrisponde la ditta

del 17/02/2012

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 17.02.2012, n. 2363 -Presidente Triola - Relatore Giusti

Cass. Pen. n. 270/2012 - Condominio: Condizionatori Rumorosi

del 11/01/2012

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE I PENALE -  - Sentenza 14 dicembre 2011 – 11 gennaio 2012, n. 270 - (Presidente Chieffi – Relatore Iannelli).

Cass. Pen. n. 39733/2011 - Abuso edilizio non prescrivibile se lavori non ultimati.

del 03/11/2011

L'abuso edilizio non si prescrive se le opere non risultano effettivamente ultimate e nulla vale dimostrore l'allaccio delle utenze di acqua e luce e l'utilizzo dell'immobile in assenza dei requisiti di agibilità o abitabilità.

Cass. Pen. sentenza n. 36022/11 - Amministratore di Condominio: Appropriazione Indebita

del 05/10/2011

CORTE DI CASSAZIONE PENALE DI PALERMO: L'amministratore di un condominio commette il reato di appropriazione indebita anche la somma sottratta dalla cassa del condominio è esigua, qualora l'amministratore non sia in grado di provare che tale minima differenza di cassa sia riconducibile a cause diverse dalla finalità di indebita appropriazione e non da lui volute consapevolmente.

Cass. n. 41451/2011 - La proroga di un progetto edilizio non consente di modificarlo.

del 29/09/2011

L'aver ottenuto la proroga del permesso di costruire non autorizza a cambiare il progetto originario, poiché la proroga riguarda esclusivamente l'esecuzione dei lavori già approvati e non implica alcun controllo sul del progetto originario che non può essere modificato con l'atto di proroga.

Cass. n. 19205/2011 - Uso esclusivo delle parti comuni

del 21/09/2011

In materia di condominio, al singolo condomino è consentito servirsi in modo esclusivo di parti comuni dell'edificio soltanto alla duplice condizione che il bene, nelle parti residue, sia sufficiente a soddisfare anche le potenziali, analoghe esigenze dei rimanenti partecipanti alla comunione e che lo stesso, ove tutte le predette esigenze risultino soddisfatte, non perda la sua normale ed originaria destinazione, per il cui mutamento è necessaria l'unanimità dei consensi.

Cass. n. 17881/2011 - Condominio e infiltrazioni d'acqua sotto il pavimento: danni, onere della prova, inquilino e proprietario

del 31/08/2011

Cass. n. 17881/2011 - Condominio e infiltrazioni d'acqua sotto il pavimento: danni, onere della prova, inquilino e proprietario

Consiglio di Stato sent. n. 615/2012: Tettoia, pensilina, concessione edilizia

del 02/02/2012

Quando una tettoia, o pensilina che dir si voglia, è di rilevanti dimensioni ed è saldamente collegato al suolo, rappresenta di fatto un ampliamento, stabile, dell’immobile cui appartiene.

Cass. n. 25239/11 - Infiltrazioni parti comuni

del 29/11/2011

Se in un edificio in cui sono presenti infiltrazioni provenienti da muri comuni o dal terreno in cui è edificato, che danneggiano un locale di proprietà esclusiva che risulta essere non sufficientemente aerato, e le cause del danno sono riconducibili alle tecniche di costruzione in uso all’epoca dell'edificazione, il condominio non è responsabile dei danni subiti dal privato.

Cass. n. 22092/2011 - Condomini: norme sulle distanze compatibili con quelle della comunione.

del 25/10/2011

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE II CIVILE - Sentenza 22 luglio 25 ottobre 2011, n. 22092 (Presidente Elefante Relatore Migliucci).

Cass. n. 35886/2011 - Abuso edilizio: La responsabilità del proprietario del terreno va dimostrata.

del 04/10/2011

Se il proprietario del terreno dove è stato commesso l'abuso edilizio,non risulta formalmente quale committente dell'opera non può essere ritenuto responsabile, ma occorre quantomeno la sua piena consapevolezza dell'esecuzione delle opere da parte del coimputato, nonchè il suo consenso, anche implicito o tacito, in relazione all'attività  edilizia posta in essere.

Cass. n. 19223/2011 - Solo l'amministratore è legittimato a impugnare delibere di nomina successore

del 21/09/2011

Solo l'amministratore di un condominio può impugnare le delibere assembleari di nomina del successore e di quelle che hanno quale finalità il soddisfacimento delle esigenze collettive della gestione del servizio comune.

Cass. n. 18420/2011 - Condominio: risarcimento danni per crollo tetto dell'edificio.

del 08/09/2011

C..S. conveniva in giudizio A..P. chiedendone la condanna al risarcimento dei danni causati all'immobile di proprietà di esso attore dal crollo del soprastante "suppenno" del convenuto.

Cass. n. 15296/2011 - Recupero quote condominiali: perseguibile solo il vero proprietario

del 12/07/2011

Quando l'amministratore di condominio ricorra ad una azione giudiziale per il recupero delle quota di spese dovute da un condomino in quanto di pertinenza di un'unità immobiliare di sua proprietà esclusiva, è il vero proprietario di detta unità ad essere passivamente legittimato e non chi possa apparire tale.

Cass. n. 2363/2012 - Condominio: Danni per cattiva esecuzione dei lavori, ne corrisponde la ditta

del 17/02/2012

Corte di Cassazione Sez. Seconda Civ. - Sent. del 17.02.2012, n. 2363 -Presidente Triola - Relatore Giusti

Consiglio di Stato sent. n. 615/2012: Tettoia, pensilina, concessione edilizia

del 02/02/2012

Quando una tettoia, o pensilina che dir si voglia, è di rilevanti dimensioni ed è saldamente collegato al suolo, rappresenta di fatto un ampliamento, stabile, dell’immobile cui appartiene.

Cass. Pen. n. 270/2012 - Condominio: Condizionatori Rumorosi

del 11/01/2012

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE I PENALE -  - Sentenza 14 dicembre 2011 – 11 gennaio 2012, n. 270 - (Presidente Chieffi – Relatore Iannelli).

Cass. n. 25239/11 - Infiltrazioni parti comuni

del 29/11/2011

Se in un edificio in cui sono presenti infiltrazioni provenienti da muri comuni o dal terreno in cui è edificato, che danneggiano un locale di proprietà esclusiva che risulta essere non sufficientemente aerato, e le cause del danno sono riconducibili alle tecniche di costruzione in uso all’epoca dell'edificazione, il condominio non è responsabile dei danni subiti dal privato.

Cass. Pen. n. 39733/2011 - Abuso edilizio non prescrivibile se lavori non ultimati.

del 03/11/2011

L'abuso edilizio non si prescrive se le opere non risultano effettivamente ultimate e nulla vale dimostrore l'allaccio delle utenze di acqua e luce e l'utilizzo dell'immobile in assenza dei requisiti di agibilità o abitabilità.

Cass. n. 22092/2011 - Condomini: norme sulle distanze compatibili con quelle della comunione.

del 25/10/2011

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE II CIVILE - Sentenza 22 luglio 25 ottobre 2011, n. 22092 (Presidente Elefante Relatore Migliucci).

Cass. Pen. sentenza n. 36022/11 - Amministratore di Condominio: Appropriazione Indebita

del 05/10/2011

CORTE DI CASSAZIONE PENALE DI PALERMO: L'amministratore di un condominio commette il reato di appropriazione indebita anche la somma sottratta dalla cassa del condominio è esigua, qualora l'amministratore non sia in grado di provare che tale minima differenza di cassa sia riconducibile a cause diverse dalla finalità di indebita appropriazione e non da lui volute consapevolmente.

Cass. n. 35886/2011 - Abuso edilizio: La responsabilità del proprietario del terreno va dimostrata.

del 04/10/2011

Se il proprietario del terreno dove è stato commesso l'abuso edilizio,non risulta formalmente quale committente dell'opera non può essere ritenuto responsabile, ma occorre quantomeno la sua piena consapevolezza dell'esecuzione delle opere da parte del coimputato, nonchè il suo consenso, anche implicito o tacito, in relazione all'attività  edilizia posta in essere.

Cass. n. 41451/2011 - La proroga di un progetto edilizio non consente di modificarlo.

del 29/09/2011

L'aver ottenuto la proroga del permesso di costruire non autorizza a cambiare il progetto originario, poiché la proroga riguarda esclusivamente l'esecuzione dei lavori già approvati e non implica alcun controllo sul del progetto originario che non può essere modificato con l'atto di proroga.

Cass. n. 19223/2011 - Solo l'amministratore è legittimato a impugnare delibere di nomina successore

del 21/09/2011

Solo l'amministratore di un condominio può impugnare le delibere assembleari di nomina del successore e di quelle che hanno quale finalità il soddisfacimento delle esigenze collettive della gestione del servizio comune.

Cass. n. 19205/2011 - Uso esclusivo delle parti comuni

del 21/09/2011

In materia di condominio, al singolo condomino è consentito servirsi in modo esclusivo di parti comuni dell'edificio soltanto alla duplice condizione che il bene, nelle parti residue, sia sufficiente a soddisfare anche le potenziali, analoghe esigenze dei rimanenti partecipanti alla comunione e che lo stesso, ove tutte le predette esigenze risultino soddisfatte, non perda la sua normale ed originaria destinazione, per il cui mutamento è necessaria l'unanimità dei consensi.

Cass. n. 18420/2011 - Condominio: risarcimento danni per crollo tetto dell'edificio.

del 08/09/2011

C..S. conveniva in giudizio A..P. chiedendone la condanna al risarcimento dei danni causati all'immobile di proprietà di esso attore dal crollo del soprastante "suppenno" del convenuto.

Cass. n. 17881/2011 - Condominio e infiltrazioni d'acqua sotto il pavimento: danni, onere della prova, inquilino e proprietario

del 31/08/2011

Cass. n. 17881/2011 - Condominio e infiltrazioni d'acqua sotto il pavimento: danni, onere della prova, inquilino e proprietario

Cass. n. 15296/2011 - Recupero quote condominiali: perseguibile solo il vero proprietario

del 12/07/2011

Quando l'amministratore di condominio ricorra ad una azione giudiziale per il recupero delle quota di spese dovute da un condomino in quanto di pertinenza di un'unità immobiliare di sua proprietà esclusiva, è il vero proprietario di detta unità ad essere passivamente legittimato e non chi possa apparire tale.